Il futuro mondo del lavoro, con IA

Il tema ovviamente dividerà le opinioni di tutti, che leggiate l’articolo oppure no. Pro e contro, catastrofisti o lieti in attesa del futuro.

Quello che ci attende negli anni 20 non possiamo dirlo con certezza, e state alla larga da chi possiede la sfera di cristallo. Possiamo solo fare ipotesi. Oppure essere vaporizzati da una bomba atomica.

No, niente guerre. Non conviene a nesuno, non in Occidente almeno. Le guerre le faremo in Africa per le risorse, con buona pace di tutti gli enti umanitari ch einutilmente da trent’anni si battono contro i mulini a vento.

Parliamo d’altro. Il mio interesse verso l’argomento inizia con un articolo dell’Huffington: quali lavori spariranno tra 5 anni? Stranamente il mio non è tra questi, a discapito del mercato attuale. Tiro un sopiro di sollievo. L’elenco prevede il postino, l’operaio, l’assicuratore. Sappiamo che la rivoluzione informatica del 2000 ha distrutto molti lavori, pensate alle agenzie di viaggio, ai cassieri di banca (sempre più in esubero con l’internet banking) e ne ha creati altri, social media  professional, application developers eccetera.

Ultimamente si fa profilando l’idea di una nuova rivoluzione indsutriale, creata dal fenomeno , di nuova incubazione, dell’Intelligenza Artificiale.   Quello che noi pensiamo sia oggi un IA (Siri, per intenderci) non è una vera IA. Se lo fosse, sarebbe un IA al 5% del suo vero potenziale. Perchè? Molto semplice. Quello che abbiamo noi oggi è solo un moderno e potentissimo databae. Sa e risponde, ma non può apprendere. Al momento sono le automobili senza guidatore ‘ultima frontiera. Ma il potenziale è infinito.

Tra le opinioni dei catastrofisti una è quella dominante. Oltre a scenari Sci-fi come Matrix,Terminator o Wargames, altri tipi di apocalisse sono prossimi, secondo loro. Semplicente si sostiene che la futura rivoluzione robotica sarà un vantaggio per pochi e una tragedia per altri. Milioni e milioni in più saranno i disoccupati, i lavori inutili. Aumenteranno i diperati, i poveri. A togliere il lavoro non sarà il rifugiato del maghereb, ma il nuovo modello di unità R2.

Altri sono di tutt’altro avviso. Nella prima rivoluzione industriale, tra 800 e 900, la macchina non ha tolto all’uomo, ha solo aggiunto. E’ nata la figura dell’operaio, sono nate le fabbriche, i prodotti di massa, la grande distribuzione. Il tutto si è risolto in un aumento dell’efficienza del lavoro, più prodotti in meno tempo, con costi inferiori. E in futuro?

Cosa comporterà IA? In una TED conference ho ascoltato un parere importante, e ho tratto le mie conclusioni. Lo lascio qui nel caso foste curiosi.
Un solo appunto. Il reddito di cittadinanza. 
Si sostiene che se dovesse avvenire la rivoluzione di IA, allora per compensare la perdita di utilità relativa del lavoro umano, di debba in qualche modo compensarla economicamente, dall’alto. Una quota di reddito proverrà da ammortizzatori sociali, a prescindere dal lavoro o altro. E l’uomo potrà svolgere le funzioni non riservate alle macchine: scienza, arte, creatività, innovazione.

Se l’auto guiderà al posto tuo, tu cosa farai, seduto comodamente nel sedile posteriore?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....A communal enjoin!

'mypersonalspoonriverblog® www.blogitalia.org

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

FUC

Future Under Construction

Lavoro Esaurito

Cronache dai più assurdi colloqui di lavoro

Il suono della parola

blog dedicato a Guido Mazzolini

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Bellezza & Benessere

La Sareètt in The Wonderland

opinionevent

L'evento con l'opinione intorno.

Chiara Monique

Official Blog

30 anni disoccupata

un blog per condividere sfighe e dolori di una trentenne disperata

La divina carriera

Consigli per la tua vita professionale

Topgonzo's Blog

Antologia di topogonzo (e nugae varie)

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Bad Work

Come sopravvivere ai lavori di merda

Like a Pianta Grassa

Poca acqua e poca terra sotto i piedi. Blooming

agores_sblog

le parole cadono come foglie

Il lavoro quando non c'è lavoro

Cercare il Sacro Graal in confronto sarebbe una passeggiata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: